HOME     >     News     >     Cronaca

Confcommercio: fiducia record per i consumatori, lieve calo per le imprese



A settembre l’indice Istat relativo ai consumatori tocca il livello più alto dal 1998, mentre quello delle imprese scende ma di appena 0,2 punti e resta su livelli molto alti. Fiducia in aumento nei servizi di mercato, in diminuzione nel commercio al dettaglio

Dopo il leggero calo fatto registrare ad agosto, a settembre arrivano risposte di segno opposto dalle rilevazioni Istat sul clima di fiducia di imprese consumatori. Se per le prime continua la contenuta flessione per i secondi c’è una netta inversione di tendenza con un netto aumento (da 116,2 a 119,6), che fa toccare il valore più alto dal 1998, inizio delle serie storiche. È il frutto soprattutto dell’ottimismo sulla situazione economica generale e su quella corrente.

Per le imprese l’Istat stima una leggera riduzione della fiducia nell'industria manifatturiera e un calo più ampio nel commercio al dettaglio  e nei servizi di mercato , dove sono in peggioramento i giudizi sugli ordini e quelli sull'andamento degli affari, mentre le attese sugli ordini mostrano un netto recupero.

Tornando al commercio al dettaglio emerge un deterioramento del quadro complessivo con tutte le componenti dell'indice a dinamica negativa. A livello di circuito distributivo, tuttavia, la fiducia è in peggioramento solo nella grande distribuzione, mentre nella distribuzione tradizionale l'indice aumenta da 101,9 a 102,3.

“La favorevole intonazione della fiducia rappresenta un buon viatico per la prosecuzione dell’attuale fase di ripresa”. Così l’Ufficio Studi Confcommercio, per il quale “il ritorno a stili di vita sempre più vicini alla normalità continua a favorire il miglioramento delle attese dei consumatori, ponendo le premesse per il recupero della domanda, soprattutto sul versante dei servizi. Mentre l’atteggiamento più prudente delle imprese sembra riconducibile, al momento, ad un assestamento su valori che sono storicamente molto elevati, visto che nello scorso mese di luglio è stato raggiunto il livello più alto dall’inizio delle serie storiche”. Segnali meno confortanti, tuttavia, “emergono dagli operatori della distribuzione, il cui calo della fiducia potrebbe essere legato allo spostamento di attenzione dei consumatori dai beni ai servizi”.


Commenti



Articoli correlati

Copyright 2021 MARIGLIANO.net
Powered by webagency Lucasweb

MARIGLIANO.net è pubblicato dall' Associazione Culturale ARTEDINAPOLI - Marigliano (NA) - Italia

Tel: 339 8758062

Fax: 06 89281644

Direzione: direzione@marigliano.net

Redazione: redazione@marigliano.net

Info generiche: info@marigliano.net